Trieste tra le dita

>> sabato 31 gennaio 2009

Chi non ha mai giocato a carte in vita sua alzi la mano. Nessuno, eh?
E allora ognuno di voi, per qualche ora almeno, ha avuto un pezzetto di Trieste tra le dita.

Il dorso delle carte ModianoIn genere le carte da gioco si guardano da un lato, quello coi semi e le figure, ma se si perdessero alcuni minuti a ispezionarne il dorso, si noterebbe su molti mazzi il marchio Modiano.

La storia della Modiano inizia nel 1868 quando Saul David Modiano, nato in Grecia, erede di una famiglia di commercianti di Salonicco, approda a Trieste in cerca di fortuna. In Europa, a quell’epoca, c’era una considerevole richiesta di cartine da sigarette e così, nel 1873, immagina e realizza un’attività industriale specializzata proprio in quel campo.

A Trieste in quegli stessi anni erano attive già alcune fabbriche affini, come la "Nuova Fiducia Triestina", la "Concordia" e la "Società Nadirè di A. Salto”, con sede nell’attuale Viale XX Settembre.

Il primo stabilimento della ModianoLa prima fase dell’attività della Modiano è concentrata nella produzione e vendita in tutto il mondo di cartine e tubetti per sigarette con diversi marchi distintivi. La collaborazione con giovani disegnatori crea nel settore un vero e proprio campionario di opere d’arte riprodotte sulle minuscole confezioni che segue passo passo l’evoluzione delle diverse correnti artistiche contemporanee.

La sezione Arti Grafiche viene affidata a Giuseppe Sigon (1864-1922) rientrato da alcune importanti esperienze come litografo ad Udine ed a Milano. Giuseppe Sigon realizza di tutto: dalle locandine ai primi manifesti pubblicitari in cromolitografia1 per noti marchi industriali, dai calendari ai menù dei ristoranti, dalle carte da gioco fino appunto alle “umili” confezioni di cartine per sigarette, un prodotto che la ditta comincia molto presto ad esportare in massicce quantità in varie parti del mondo ottenendo notevoli riconoscimenti, fino a potersi fregiare del titolo di “Fornitore ufficiale della Corte Reale Ellenica”.

Sulle confezioni si possono leggere, nelle più svariate lingue del mondo, frasi come queste:


“Io sottoscritto, professore del laboratorio Chimico, certifico dopo aver analizzato le cartine per sigarette GOUDRON marchio MODIANO, di aver constatato dall’analisi chimica e al microscopio che sono state fabbricate con fibre di pura canapa e lino trattate con essenze vegetali. Non contengono alcun materiale nocivo alla salute e di conseguenza le cartine per sigarette MODIANO danno completa soddisfazione ai fumatori” - Trieste, 19 aprile 1893.

“Bianchezza pura – Massima opacità – Resistenti e compatte – Gusto neutrale, conserva al tabacco il suo aroma – Combustione normale, non annerisce né esala odori sgradevoli – Nessuna irritazione alla gola – Orli gommati con pura gomma vegetale”.

“Cartine per sigarette gommate – Non alterano il profumo del tabacco – Non disturbano la gola – Provatele e sarete soddisfatti”.

“Questa carta da sigarette, puro prodotto italiano, è la preferita anche dagli esigentissimi fumatori orientali”





Nel 1884 la Modiano inizia a creare nella sua tipografia riproduzioni artistiche e carte da gioco, che raggiungono subito una grande popolarità, grazie alla qualità unita all’arte ed all’abilità commerciale, tanto che in pochi anni le carte Modiano riescono a sorpassare quelle prodotte dai tedeschi e dagli austriaci che, fino a quel momento, primeggiavano nel mercato delle carte da gioco.

Vengono aperti nuovi stabilimenti nelle maggiori capitali europee e fioriscono veri e propri capolavori grazie alle collaborazioni con i maggiori artisti, principalmente dell’ateneo di Budapest, che contribuiscono ad accrescere la notorietà del marchio.

La Modiano diventa inoltre promotrice della cartellonistica italiana avvalendosi del contributo di artisti di fama quali, tra gli altri, Argio Orell (1884 - 1942)2, Glauco Cambon (1875 - 1930)3, Antonio Quaiatti (1904-1992)4, Cesare Cuccoli (1912-1978).

Alla vigilia della grande guerra la Modiano impiega nei suoi stabilimenti un migliaio di dipendenti e il suo nome emerge anche fra i promotori dello sviluppo commerciale ed industriale triestino nel ramo dei cementi, dell’elettromeccanica, dell’agricoltura e della finanza. Da queste iniziative sorge nel 1907 anche la prima industria automobilistica triestina, l’Alba.

Lo stabilimento Modiano negli anni 20La guerra, com’è logico, riduce drasticamente ogni attività commerciale, la Modiano non ne è esente ed è costretta a ridurre fortemente il numero delle maestranze. Lo stesso approvvigionamento della materia prima, la carta, diviene problematico. Lo stabilimento viene anche danneggiato da un incendio doloso in uno di quegli attacchi avvenuti a Trieste contro i filo italiani dopo la dichiarazione di guerra all'Austria. Al termine della grande guerra la Modiano, memore delle difficoltà avute nel recente passato, acquista alcune cartiere in Emilia per assicurarsi la materia prima.

Anche la cartellonistica pubblicitaria rispecchia quel connubio tra arte ed industria che connoterà tutta l’attività della Modiano. Giovani o già affermati artisti, specialmente di nazionalità ungherese, come Aladar Richter, Andreas Farkas, Franz Lenhart, Konya Zoltan, Róbert Berény, Sándor Bortnyik e altri collaborano con la Modiano, sezione Arti Grafiche, assieme a Filiberto, Bruno e Pollione Sigon, figli del primo direttore artistico Giuseppe Sigon.

Tutti e tre lavorano a lungo per la Modiano, ma è Pollione, tuttavia, che erediterà poi, all’interno dello stabilimento cartotecnico triestino, il ruolo che era stato del padre.

Nato nel 1895 e sostenuto da eccellenti qualità a livello artistico, inizia a collaborare con la Modiano in giovane età e poco dopo la prima guerra mondiale vi entra stabilmente, divenendone in breve il più importante illustratore interno, ruolo che manterrà a lungo.

La produzione di Pollione per la Modiano, in circa Il manifesto pubblicitario per le cartine da sigaretta Centaurocinquant’anni di rapporto lavorativo (e malgrado l’amputazione del braccio sinistro) è notevolissima per quantità e qualità. Come aveva fatto il padre Giuseppe, disegna di tutto e risulta piuttosto difficile, tra la mole infinita di manifesti, locandine, calendari, menù, etichette ed incarti di vario tipo che portano la sua firma, mettere in evidenza questo o quel lavoro, anche se alcune creazioni rimangono punti fermi nella storia (e non solo triestina) della grafica pubblicitaria come, ad esempio il centauro che caratterizza un manifesto per le omonime cartine per sigarette della Modiano ed alcune figure e trovate pubblicitarie che ancora oggi accompagnano la produzione di carte da gioco della ditta.









Negli anni tra la prima e la seconda guerra mondiale le tre attività (produzione di carte da gioco, produzione di cartine da fumo e cartellonistica) procedono di pari passo, ma due colpi vengono inferti alla Modiano ed alle industrie analoghe: l’istituzione del regime del Monopolio sull’importazione e la vendita sui prodotti da fumo (1936) e l’abitudine, diffusa dagli Americani alla fine della seconda guerra mondiale, di fumare sigarette già confezionate.

Nel secondo dopoguerra, la produzione di cartine per sigaretta continuerà a calare sempre di più, lasciando spazio ad altre produzioni cartotecniche, prime tra tutte le carte da gioco.

Alle carte da gioco tradizionali, si affiancano quelle promozionali, da collezione, turistiche, da casinò, per giochi di società.

Non esiste un mazzo di carte da gioco che non sia prodotto da questa fabbrica, dalle carte francesi a quelle spagnole, dalle tedesche alle austriache, dai tarocchi ai trionfi,, dalle carte da canasta alle carte da mercante in fiera e poi tutte le regionali, napoletane, piacentine, bergamasche, bresciane, genovesi, trevigiane, bolognesi, fiorentine, sarde, siciliane, romagnole, milanesi, piemontesi, trentine e, naturalmente le carte triestine.

Alcune carte da gioco uscite dagli stabilimenti Modiano

E già, le carte triestine….

E’ curioso osservare che, tra tutte le carte regionali italiane, le uniche a riportare dei motti e delle scritte sono, assieme alle trevigiane, quelle triestine ed in particolare:


  • Sull'asso di coppe: "UNA COPPA DI BUON VIN, FA CORAGGIO E FA MORBIN”

  • Sull'asso di spade: "IL GIOCO DELLA SPADA A MOLTI NON AGGRADA"

  • Sull'asso di danari: "NON VAL SAPER CHI HA FORTUNA CONTRA"5

  • Sull'asso di bastoni: "MOLTE VOLTE LE GIOCATE VAN FINIRE A BASTONATE"

Ma le triestine hanno altre due caratteristiche che le rendono uniche, il nome di ogni figura, riportato per esteso nello spazio bianco che sdoppia le illustrazioni ed il numerello posto alla base ed alla sommità che ne identifica il valore:

Le figure nelle carte triestine

E qui c’è una stranezza, le carte dall’asso al sette riportano i numeri progressivi da 1 a 7, mentre le figure riportano curiosamente i numeri…. 11, 12 e 13!

Che fine hanno fatto l’8, il 9 e il 10? In qualche magazzino comunale assieme a statue, fontane ed automi vari?

In realtà nessuno lo sa, si ipotizza che in origine il mazzo fosse di 52 carte poi ridotto, chissà perché, a 40 eliminando appunto l’otto, il nove e il dieci. Un’altra eccentricità triestina.

Nel 1987 la Modiano viene acquistata da un’altra azienda, la Grafad che ne mantiene il marchio cedendo il reparto fumo alla multinazionale Rizla di Anversa, che ancora oggi utilizza le griffe "Club", "Fumosan" e "Luce". Da allora l’impresa produce carte da gioco internazionali e regionali che vengono vendute con costante successo nel mondo assieme alle Dal Negro di Treviso..


Dunque…. Tre scope, Carte, Settebello e Denari. Direi che questa mano è mia.
A chi tocca adesso?







1.La cromolitografia è una tecnica che rende possibile la stampa di immagini, a colori, a basso costo e in grandi tirature. Il disegno originale viene realizzato su pietra e quindi trasferito su carta.



2.Artista triestino, si forma alla scuola di Monaco di Franz von Stuck. Nei primi anni del ‘900 acquista una notevole fama, lavorando anche nell‘ambito pubblicitario e nella produzione di cartoline illustrate. Negli anni ‘20 e ‘30 si impone come ritrattista. Le sue opere sono conservate in alcuni dei più famosi musei internazionali e a Trieste principalmente presso il Museo Revoltella.



3.Nato a Trieste, studiò nella sua città natale ed in seguito a Monaco di Baviera e a Roma. Pittore di talento, partecipò alle Biennali di Venezia del 1897 e del 1907. Influenzato dal carattere impressionista dei contemporanei Rietti e Veruda, conservò sempre il gusto per la linea Art Nouveau. Morì a Biella nel 1930.



4.Si formò alle scuole triestine industriali per intraprendere, nel corso degli anni Venti e Trenta, la carriera di disegnatore pubblicitario, lavorando quasi esclusivamente per la Compagnia Cosulich.



5.Nella versione di Dal Negro la frase è "SON GLI AMICI MOLTO RARI QUANDO NON SI HA DANARI”

4 commenti:

Anonimo 3 febbraio 2009 20:37  

Complimenti per i tuoi post sempre molto interessanti ed esaurienti :)
Cristina

Manuel 31 maggio 2010 00:06  

Qualche anno fa il Piccolo regalò un mazzo di carte triestine, Modiano naturalmente, con presenti anche gli otto, i nove e i dieci.
Io le conservo gelosamente, anche se nacora non ho osato giocare a tressette con i valori in più ;)
Complimenti per il post

Carlo Rigoglioso 24 novembre 2015 15:45  

Ciao!
Ho scoperto oggi questo Tuo blog ed ho iniziato a scorrerlo (per il momento)
Sei una Persona dalle mille risorse complimenti sinceri!
Carlo

Uki ROS 30 novembre 2016 00:31  

Si può avere per favore una foto degli 8, 9 e 10? gianfranco.sciannimanico@tin.it

  © Blogger template Romantico by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP